Fate una telefonata a Maccio Capatonda, oggi è il suo compleanno!

La biografia di Maccio Capatonda vista e rivisitata a vanvera da FlopTV che, nel giorno del compleanno di Marcello Macchia, ha deciso di fargli gli auguri così.

Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Siamo in Abruzzo, precisamente a Vasto, sulla costa dei trabocchi. È il 2 agosto 1978 è la famiglia Macchia ha appeso alla porta un fiocco blu per Marcello. "Dottore, chiami un dottore... questo bambino non ha nemmeno un capello!".

Cominciano così le avventure del pluriosannato comico, che rievoca la sua venuta al mondo in Cordoglio Ombelicale, il pezzo interpretato da Mariottide. Il giovine vive un'infanzia serena caratterizzata da un unico importante episodio: alla tenera età di 5 anni cade dal 23° piano della casa d'appuntamento gestita dalla nonna, ma rimbalza. Da qui comincia la seconda vita di colui che tutti noi oggi conosciamo, onomatopeicamente, come Maccio Capatonda.

Abbandonata la terra natia (la competizione con Rocco Siffredi - anch'esso abruzzese - era schiacciante tanto da provocare attacchi ingestibili di Febbra) il timido giocoliere di parole decide di studiare, perchè le dimensioni non contano, se sai usarlo bene... il cervello!

A Chieti si diploma e, fra una sosta e l'altra presso lo stabilimento balneare di Francavilla al mare dove egli è solito "pazziare" con i suoi amici Ivo Avido ed Herbert Ballerina, Maccio si trasferisce a Perugia per proseguire gli studi, perchè le lingue sono importanti e l'umbro è davvero una fonte di ispirazione per i suoi trailer cinematografici.

Assodata l'incapacità espressiva e recitativa sua e dei suoi, fonda una società - la Shortcut - e diventa insesatamente popolare.
FlopTV ci casca con tutte le scarpe e lo ingaggia per delle produzioni fallimentari - da Piccol a Mariottide, da Leggerezze a Drammi medicali passando per La Villa Di Lato e Sexy Spies - ogni proposta del maestro viene realizzata perchè fa ridere.

Tutti impazziscono per la sua tristezza a palate, pagherebbero Sossoldi per incontrarlo dal vivo perchè l'italiano medio che è in tutti noi ama sognare una via che porti al successo senza dover fare nulla... un po' come è successo a lui, Maccio Capatonda, il protagonista di questa biografia inventata solo per avere il pretesto di fare degli auguri a vanvera a Marcello Macchia.

Se anche voi avete il desiderio incontenibile di sentirlo al telefono e dirgli "Ngulo, beatattè!"; se volete approfittare di questa occasione di festa per chiedergli come ha fatto a diventare Maccio Capatonda; se non avete nulla da fare o se credete davvero che risponderà... chiamate il numero in sovraimpressione!
 

 

 

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Altro su #Maccio Capatonda

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV