Mouse roventi

Uomo impiega 82 giorni e 20mila tiri per centrare una buca a golf

L'ex rugbista Adam Rolston è riuscito ad arrivare alla fine del campo da golf più grande del mondo, dopo soli 82 giorni di viaggio e oltre 20mila tiri.

Danilo Abate Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Adam Rolston in azione

Adam Rolston, ex giocatore di rugby dell’Irlanda del Nord, di recente è arrivato alla fine del campo da golf più esteso della storia, dopo aver colpito la palla per ben 20.093 volte in un percorso di circa 2mila chilometri, attraverso il deserto e le montagne della Mongolia.

Il 28enne ha avuto l’idea mentre chiacchierava col suo ex compagno di squadra Ron Rutland, in Kenya. Rutland ha completato un’epica traversata in bici, percorrendo ben 26mila chilometri in Africa, prima di approdare in Sud Africa per vedere la nazionale di rugby scontarsi col Giappone nei Mondiali del 2015.

Quella che inizialmente pareva un’idea folle, dopo averne parlato con gli amici, è diventata la straordinaria avventura di Adam.

Il percorso di AdamOddity Central
Il percorso effettuato da Adam

Il nostro eroe ha scelto la Mongolia perché aveva potenzialmente a disposizione il maggiore spazio possibile per un campo da golf e una bassa densità di popolazione, quindi pochi ostacoli creati dall’uomo. In principio aveva calcolato di dover colpire la palla circa 14mila volte per andare in buca ma la realtà, come sappiamo, è stata ben diversa.

Nella folle impresa è stato coinvolto anche l’amico Rutland come suo caddy e hanno completato il percorso il 28 luglio scorso.

I due eroi dell'impresaOddity Central
I due compari affrontano la grande impresa

Ha affermato Rolston:

Tante persone ci hanno detto di essere pazzi, con dei commenti tipo ‘È impossibile da fare’ e ancora ‘Non avete nulla di meglio da fare?’.

Adam assicura però che solo la prima settimana è stata dura. Da lì in poi, è stato facile.

Dopo aver giocato a golf camminando nell’acqua gelata per diversi giorni, Rolston ha continuato la sua strada passando per deserti e montagne, scontrandosi con rocce sporgenti d’ogni tipo.

Adam gioca a golf nel desertoOddity Central
Adam lotta contro il deserto

L’ex giocatore di rugby continua poi il suo racconto:

Nella mia mente immaginavo paesaggi meravigliosi col sole sempre splendente, ma realtà è che non abbiamo visto il sole per 4 giorni di seguito e abbiamo camminato nell’acqua gelata. Nella prima settimana a volte ho pensato di mollare.

Nonostante i due compagni d’avventura fossero atleti, i dolori al collo e alla schiena non sono affatto mancati, senza contare altri tipi di imprevisti. Grazie al lavoro di squadra però, con Rolston che tentava di tirare la palla il più lontano possibile e il suo amico che portava le mazze, ci sono riusciti.

Nel loro viaggio hanno incontrato anche un cane randagio a cui si sono affezionati. Il tenero animale li ha accompagnati fino alla fine e adesso i due sono in cerca di una casa per lui.

Dopo ben 82 giorni di viaggio attraverso la Mongolia, più di 20mila tiri e 400 palline da golf, Adam è riuscito a completare il campo da golf più grande della storia e, ovviamente, si rincorrono già delle voci circa la sua inclusione nel libro dei Guinness World Records.

Non c’è dubbio sulla follia dell’impresa, ma siamo certi che almeno Adam verrà ricordato per sempre da tutti. Voi lo avreste mai fatto al posto suo?

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV