Mouse roventi

Netflix fa chiudere un bar di Stranger Things senza autorizzazione

La piattaforma streaming Netflix ha fatto chiudere un bar temporaneo a tema Stranger Things aperto a Chicago senza autorizzazione.

Emanuele Bianchi Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Bar a tema Stranger Things

Strangers Things è stata senza dubbio la serie TV evento del 2016. Ideata dai fratelli Duffer la serie, un prodotto originale Netflix, è ambientata negli anni '80. Protagonisti un gruppo di ragazzini che in seguito alla sparizione di un loro amico, iniziano le indagini per ritrovarlo. Al loro fianco una misteriosa ragazza dai poteri telepatici fuggita da un laboratorio segreto. 

Un successo immediato e travolgente quello di Stranger Things, tanto che il 27 ottobre arriverà la seconda stagione. Una popolarità che ha portato all'apertura di un bar a tema temporaneo, dal nome The Upside Down. Come la dimensione parallela in cui si trova il mostro affrontato dai piccoli protagonisti dello show TV. 

Un omaggio a una serie divenuta subito cult che non è piaciuto molto a Netflix. La piattaforma streaming ha fatto pervenire ai proprietari del locale, che si trova a Chicago, una lettera in cui chiede al bar temporaneo di non prolungare l’apertura oltre la data consentita. 

Di seguito la lettera:

Bar a tema Stranger ThingsNetflix
La lettera iniata da Netflix ai gestori del bar a tema Stranger Things

La traduzione di questa esilarante richiesta scritta suona più o meno così: 

Danny e Doug, il mio walkie-talkie non funziona così ho dovuto scrivere questa lettera. Ho sentito che avete aperto un bar a tema Stranger Things a Logan Square. Non voglio che pensiate che sono un guastafeste totale, e mi piace molto il fatto che voi amiate lo show. (Vedrete cosa vi abbiamo riservato nella stagione 2!) Ma a meno che non stia vivendo nel Sottosopra, non credo che abbiamo fatto nessun accordo. Siete tipi creativi e apprezzo il fatto che i fan abbiano un posto in cui incontrare il mondo che noi abbiamo creato. Non vi invieremo a casa il Dottor Brenner, ma vi chiediamo per favore (1) di non superare le sei settimane di apertura e (2) di chiedere il permesso la prossima volta se avete in progetto di fare qualcosa di simile. Fatemi sapere il prima possibile se accetterete le nostre richieste. Amiamo i nostri fan più di tutto, ma dovreste sapere che il Demogorgon non è un tipo che perdona. Non costringeteci a chiamare la vostra mamma.

In risposta il manager del bar Jared Sau si è dichiarato disponibile ad un confronto con Netflix, nella speranza magari di riaprire il pop up bar in concomitanza con l’arrivo della seconda stagione. Non resta che attendere la prossima mossa della piattaforma streaming.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV