Mouse roventi

Cina: l'esercito per piantare alberi e abbattere l'inquinamento

Il progetto del governo cinese è quello di impiegare 60 mila soldati dell'esercito per arrivare a una quota del 26% di foresta entro il 2035 con lo scopo di abbattere l'inquinamento atmosferico da sempre piaga della regione.

Giovanni Rispo Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Militari cinesi intenti a piantare alberi

Sessantamila soldati cinesi si preparano a riforestare un’intera area della Cina per far fronte all’inquinamento atmosferico. La notizia è solo una parte del piano cinese che punta sempre più a ridurre l’impatto delle proprie produzioni industriali.

Obiettivo ambizioso quello del governo cinese che, secondo Asia Times, prevede di piantare 6,6 milioni di ettari di nuova foresta entro la fine del 2018. A realizzare il progetto saranno 60 mila soldati dell’Esercito Popolare di Liberazione a cui si aggiungeranno diverse unità della forza di polizia.

Il lavoro maggiore sarà fatto nell’area industriale della provincia di Hebei, dove l’obiettivo è quello di riforestare l’area per il 35% entro il 2020. Più in generale il governo ha come obiettivo il raggiungimento del 23% (si parte da un attuale 21,7%) entro il 2020 fino ad arrivare a un 26% nel 2035.

Una vera presa di coscienza della Cina che è attualmente il Paese più inquinante del mondo. I suoi livelli di diossina sono il doppio di quelli degli USA (secondi in classifica). A differenza del governo statunitense, però, la Cina ha deciso di rispettare pienamente gli accordi di Parigi puntando sempre più sulle energie rinnovabili e sulla riduzione della dipendenza dal carbone.

L'accordo di Parigi è un traguardo difficile da conquistare. Tutti i firmatari dovrebbero attenersi invece di andarsene, poiché questa è una responsabilità che ci dobbiamo assumere per le generazioni future.

ha detto il presidente cinese Xi Jinping.

Proprio in merito a questi obiettivi, va segnalato il record fatto registrare a dicembre 2017 dove il mercato delle auto elettriche plug-in cinese ha registrato un +71% rispetto al 2016, mentre il comparto industriale cinese ha guadagnato una market share del 47%.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV