Mouse roventi

In Russia i Terminator li costruiscono in casa!

Alexander Osipovich, un informatico russo, è molto vicino a coronare il sogno che ha sin da bambino: costruire un Terminator T-800 casalingo.

FlopTV Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Alexander Osipovich e il suo T-800 casalingo

Alexander Osipovich è a un passo dal realizzare il suo sogno: costruire in casa un Terminator T-800 funzionante. Al momento l'informatico russo sta fronteggiando alcune difficoltà relative alla mobilità del suo droide e all'implementazione dell'intelligenza artificiale, ma a breve dovrebbe essere tutto funzionante.

La costruzione di un Terminator T-800 è un desiderio che accompagna Osipovich sin dalla tenera età. Infatti dopo aver visto per la prima volta Terminator, il film campione di incassi del 1984 con Arnold Schwarzenegger, il giovane informatico russo giurò a sé stesso che un giorno avrebbe costruito un T-800 funzionante. Tanto che sin dal 2009, anno in cui iniziò gli studi universitari, il giovane russo è al lavoro su di un programma in Visual Basic in grado di dotare il suo droide di una intelligenza artificiale. Al momento il "cervello" del T-800 è in grado di parlare e rispondere a varie domande appoggiandosi alle ricerche su Internet.  

Come lui stesso racconta a ProPerm.ru, l'esoscheletro del suo T-800 è stato realizzato mediante stampa 3D. Osapovich rivela che gli schemi dettagliati per la costruzione delle parti dell'esoscheletro furono forniti direttamente da Google nel 2013, periodo in cui l'azienda americana stava fortemente promuovendo progetti fai da te applicati alla stampa 3D.

immagine del Terminator casalingo in via di realizzazione

La stampa 3D e l'assemblaggio di tutte le parti dell'esoscheletro hanno richiesto quasi 4 anni di duro lavoro, ma adesso, come dimostra l'immagine sopra, il T-800 è completo. Purtroppo però il giovane russo sta riscontrando delle difficoltà tecniche nel reperire dei motori abbastanza potenti da muovere le articolazioni del robot. Al momento infatti il T-800 riesce solamente ad aprire la mascella e a spostare la testa: tutto questo grazie a un piccolo motore preso in prestito da un elicottero radiocomandato. Osipovich è comunque fiducioso e afferma che questi problemi saranno risolti a breve.

Il T-800 mentre si vede un bicchiere di vodka

L'informatico russo ha confermato inoltre che è sua intenzione migliorare i movimenti del robot tramite la scrittura e l'implementazione di un software apposito, già in fase di elaborazione.

Insomma c'è ancora molto lavoro da fare e molte cose da mettere a punto, ma resta il fatto che non ci vorrà molto tempo per vedere un T-800 funzionante.

Piccola curiosità: Osipovich ha affermato che per la realizzazione del suo personale T-800 ha speso finora circa 200mila rubli, l'equivalente di 3,500 dollari.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV