Mouse roventi

Event Horizon Telescope, presto la prima fotografia di un buco nero?

Event Horizon Telescope è in procinto di iniziare il periodo di osservazione che potrebbe farci ottenere la prima foto di un buco nero. Il suo nome? Sagittarius A*.

Giulia  Greco Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Un buco nero nell'immaginario di un artista

La possibilità di vedere la prima fotografia di un buco nero si fa sempre più reale. Tutto grazie a Event Horizon Telescope (EHT), un sistema di dieci potentissimi telescopi collocati attorno al pianeta Terra e puntati verso quello che gli scienziati credono essere un buco nero di dimensioni spropositate.

Sagittarius A*, questo il nome dato al buco nero, dovrebbe essere grande quattro volte il Sole, e si crede potrebbe alimentare l'orbita di rotazione della Via Lattea.

Nato nel 2006, EHT non è certo un sistema nuovo, ma ha recentemente raggiunto nuova potenza grazie a ALMA, il radio telescopio più potente del mondo, situato nel deserto cileno. Così l'Event Horizon Telescope è diventato, insieme a quello che si trova al Polo Sud, il telescopio con più probabilità di riuscire nell'impresa di fotografare un buco nero.

Secondo Grant Tremblay, osservatore di astrofisica presso l'università di Yale, l'opportunità che EHT ci regala potrebbe trasformarsi, se realizzata, in una tappa fondamentale nella storia dell'uomo. L'immagine di Sagittarius A*, quando arriverà, potrà finalmente sostituire le immagini dei buchi neri fino ad ora offerte solo dalla mano di abili artisti.

Il periodo di osservazione non è ancora cominciato. Infatti, l'EHT inizierà i suoi studi a partire dal mese di aprile, ed allora sarà possibile assistere a una vera e propria rivoluzione dell'universo in cui viviamo.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV