Mouse roventi

Dragon Ball Z: Light of Hope, ecco il fan film live action

Dragon Ball Z: Light of Hope è il fan film live-action prodotto dalla Robot Underground. Lo short film si basa sulla saga degli Androidi e racconta la storia di Trunks e della sua battaglia contro i terribili C-17 e C-18.

Emanuele Bianchi Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Dragon Ball Z: Light of Hope, il fan film della Robot Underdog

Dragon Ball è senza dubbio uno dei manga più famosi e amati di sempre. Scritto ed illustrato da Akira Toriyama, è stato serializzato sulla rivista Weekly Shōnen Jump dal 1984 al 1995. Successivamente i capitoli sono stati poi raccolti in quarantadue volumi tankōbon, pubblicati dal 1985 al 1995 da Shūeisha. 

Il fumetto prende spunto dal classico della letteratura cinese Il viaggio in Occidente, in cui viene raccontato il viaggio di un monaco buddhista. È sia una riflessione su quanto il buddismo cinese avesse unito, sia un vero e proprio percorso di purificazione dei vari personaggi che alla fine giungeranno all’illuminazione. 

Proprio uno dei quattro protagonisti del racconto, il re scimmia Sun Wukong, ha ispirato Toriyama per il protagonista Son Goku. Il manga infatti ripercorre le avventure dall’infanzia all’età adulta del protagonista mentre si allena nelle arti marziali e viaggia per il mondo alla ricerca delle sette Sfere del Drago, magiche sfere in grado di evocare un drago in grado di esaudire qualsiasi desiderio. Nel suo viaggio Son Goku incontrerà molti amici ed affronterà temibili nemici.

Dragon Ball Z: Light of Hope, il fan film ispirato al manga
Dragon Ball Z: Light of Hope, i cyborg C-17 e C-18

Visto il successo del manga, Dragon Ball è stato adattato in anime e successivamente sono arrivati i lungometraggi animati - ben 20 tra OAV e speciali TV - e ben tre film live action. Questi ultimi sono tutti oggettivamente terribili, in particolare l’adattamento americano del 2008.

Ma fortunatamente finalmente sembra che sia stato girato un live action all’altezza. 

Dragon Ball Z: Light of Hope è uno short film di 35 minuti prodotto da RobotUnderdog, il quale nonostante non abbia valori di produzione particolarmente alti o brillanti sequenze di azione, ha il grande pregio di portare con rispetto e amore sullo schermo la storia su cui si basa. 

La storia di Light of Hope si basa sulla saga degli Androidi, ed è ambientata nel futuro in cui C-17 e C-18 hanno raso al suolo il mondo e sconfitto tutti i Guerrieri Z. A eccezione di Son Gohan e di un giovane Trunks. Sarà compito degli ultimi due Saiyan, aiutati da Bulma, cercare di salvare il mondo dalla distruzione totale. 

L'allenamento di Trunks e Gohan in Dragon Ball Z: Light of Hopehttp://www.robotunderdog.com/
Dragon Ball Z: Light of Hope, Trunks e Gohan si allenano

Nella serie originale sappiamo poco del futuro devastato di Trunks, se non che il giovane guerriero e Gohan si allenano per sconfiggere i cyborg, aiutati da Bulma la quale sta lavorando a una macchina del tempo per poter tornare nel passato e avvisare Goku e gli altri del futuro pericolo. Ed è proprio questa la storia che viene ripresa e che vediamo nel film della RobotUnderdog. 

Ogni volta che i fan del manga sentono Dragon Ball accostato alla parola live-action vengono presi dal terrore, e visti i precedenti è più che normale. Ma nonostante i difetti, Dragon Ball Z: Light of Hope è sicuramente migliore di ogni live action fatto finora.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV