Mouse roventi

Dragon Ball, Akira Toriyama coinvolto nello scandalo Paradise Papers

Sembra che Akira Toriyama, autore della saga di Dragon Ball, abbia effettuato degli investimenti illegali, rientrando dunque nell’ambito dell’inchiesta Paradise Papers. Riuscirà il nostro eroe a cavarsela?

Danilo Abate Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Goku e il suo creatore Akira Toriyama

A quanto pare è stato scoperto che il nostro Akira Toriyama, creatore della celebre saga di Dragon Ball, ha investito in una società immobiliare non in linea con le leggi americane.

L’illecito sarebbe stato scovato nell’ambito dell’inchiesta Paradise Papers, indetta dal Consorzio internazionale di giornalismo investigativo.

In particolare, risulta che Toriyama abbia investito nella società illegale nel 2000, insieme ad altre 12 persone di passaporto giapponese.

Akira Toriyama e GokuAkira Toriyama
Toriyama e la sua creatura

Stando alle informazioni fornite dalla stampa, la compagnia non in linea con le leggi degli Stati Uniti utilizzerebbe prestiti e capitali per acquistare appartamenti usati. Gli investitori hanno dichiarato solo un piccolo guadagno, giustificato dall’eccedenza delle uscite sulle entrate per il deprezzamento delle proprietà e altri disavanzi.

Nel 2005 però è stato comunicato agli investitori in questione di dover versare delle tasse aggiuntive. Un caso analogo è già avvenuto nel 2015 ed è stato risolto con l’invervento della Corte Suprema degli Stati Uniti, a sfavore degli investitori ovviamente.

Quando è stato chiesto a Toriyama di commentare l’accaduto, il fumettista ha affermato di non avere tempo di farlo a causa dei suoi vari impegni.

Anche Yoshinori Shirono, CEO dell’azienda produttrice di cosmetici Ci:Z Holdings, è stata contattata per rilasciare qualche dichiarazione in merito agli investimenti illegali, ma il rifiuto è arrivato anche in quel caso.

Goku utilizza l'Ultra IstintoAkira Toriyama
Neanche l'Ultra Istinto di Goku può proteggere Toriyama dalla legge

Ricordiamo che il Consorzio internazionale di giornalismo investigativo porta avanti l’inchiesta Paradise Papers sulle attività offshore di alcune delle persone più ricche e potenti del mondo, con oltre 380 giornalisti coinvolti e in 30 lingue diverse.

Paradise Papers ad esempio ha rivelato illeciti finanziari anche da parte della Regina Elisabetta II, Justin Timberlake e Madonna.

E voi che ne pensate? La vostra stima per Toriyama è diminuita o non ve ne frega proprio nulla dei suoi investimenti?

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV