Mouse roventi

Collezionista di videogame trova droga nascosta nelle cartucce del NES

Una copertura eccezionale viene smascherata controllando l'interno delle cartucce.

Matteo Tontini Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Quattro sacchetti di droga nascosti in due cartucce del NES

Visitare un mercatino per acquistare videogame e tornare a casa con un bel po' di droga non è certo un affare che capita tutti i giorni, specie se la sostanza stupefacente si riceve per puro caso. È successo a Julian Turner, un collezionista di videogiochi rétro, che voleva comprare alcuni titoli per il NES.

Una volta rincasato avrebbe scoperto che all'interno delle cartucce c'erano pacchetti di droga. I giochi in questione erano "Rollergames" e "Golf": Julian aveva intuito che ci fosse qualcosa di strano quando aveva visto che la copia di Rollergames era una versione PAL (ovvero europea/australiana), alquanto insolito per un mercatino delle pulci in Georgia.

Inoltre, mettendo le cartucce sulla bilancia sarebbero risultate circa il 50% più pesanti di quanto avrebbero dovuto. Doveva per forza esserci qualcosa dentro: così Julian ha deciso di smontare l'involucro per poter indagare e… sorpresa! Ha trovato quattro sacchetti di plastica. Il tutto documentandolo con un video, che puoi guardare qui sotto.

Il caso è poi stato affidato alla polizia, ma Julian ha continuato a fare ricerche scoprendo che non si trattava dell'unica volta in cui le cartucce erano state usate come copertura: un'altra copia di Golf era tempo addietro stata riempita con 5 mila dollari in contanti, risalenti al 1985.

Insomma, a distanza di trent'anni potrebbe essere stato scoperto un contrabbando di droga degli anni '80 tra Stati Uniti ed Europa, che sfruttava le cartucce dei videogiochi come impenetrabile involucro!

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV