Mouse roventi

Bimbo di 9 anni si propone come Men In Black per la NASA

Arriva dal web una delle più divertenti candidature della storia. Un ragazzino si è proposto infatti come Men In Black per la NASA.
Il botta e risposta fra Jack e la NASA

Vi avevamo già parlato del fatto che la NASA sta cercando dei veri e propri Men In Black per proteggere la Terra. All’annuncio di lavoro hanno risposto ovviamente una moltitudine di candidati, fra cui anche un bambino di 9 anni, Jack Davis, a suo dire “qualificatissimo” per il lavoro di PPO (Planetary Protection Officer).

Di seguito potete leggere la sua entusiasta lettera di candidatura inviata alla NASA e riportata da E! News:

Mi chiamo Jack Davis e vorrei candidarmi per il posto di Planetary Protection Officer. Anche se ho soltanto 9 anni, penso di essere adatto al lavoro. Una delle ragioni è che mia sorella mi dice sempre di essere un alieno. Poi ho visto tutti i film possibili sullo spazio e sugli alieni. Ho visto anche la serie Marvel Agents of S.H.I.E.L.D. e spero di vedere presto il film Men In Black. Sono giovane perciò posso imparare a pensare come un alieno.

Sembra il candidato ideale per l’importante ruolo, non trovate?

Qui sotto trovate il Tweet della NASA che ha reso nota la cosa:

La NASA, sicuramente divertita e incuriosita dalla lettera di Jack, invece di ignorare la richiesta ha risposto in un modo che curioso è dire poco, diventato subito virale:

La nostra posizione come Planetary Protection Officer è veramente fantastica ed è un lavoro molto importante. Si tratta di proteggere la Terra dai minuscoli microbi quando riportiamo dei campioni dalla Luna, dagli asteroidi e da Marte. Bisogna anche proteggere gli altri pianeti e lune dai nostri germi perché esploriamo il Sistema Solare responsabilmente. Siamo sempre in cerca di scienziati dal futuro promettente e ingegneri per aiutarci, per questo spero che studierai tanto e andrai bene a scuola.

Aggiunge inoltre il Dr. James L. Green, direttore della divisione di Scienze Planetarie:

Speriamo di vederti qui alla NASA uno di questi giorni.

Se la risposta fornita dalla NASA non fosse già abbastanza divertente, Jack ha ricevuto anche una chiamata telefonica dal Dr. James, direttamente dal quartier generale della NASA a Washington, per congratularsi col ragazzino per il suo interesse alla posizione di PPO.

Il simpatico scambio di battute fra la NASA e il piccolo Jack ha avuto più di 2mila Retweet in un paio d’ore, tutti pieni di approvazione per lo spirito dimostrato dalla NASA:

Così si ispirano i bambini a realizzare i propri sogni, e che modo meraviglioso di farlo! Ben fatto NASA!

Dunque non possiamo che fare i nostri auguri al piccolo Jack ma, sopratutto, ricordargli di guardare al più presto Men In Black, altrimenti non potrà mai diventare uno di loro!

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV