La nuda verità

USA: cambiando un font si risparmierebbero 400 milioni l'anno

Un ragazzo suggerisce un modo semplice per far risparmiare 400 milioni di dollari al Governo USA: cambiare font con cui si stampano i documenti ufficiali. Passiamo anche noi al font Garamond!

Andrea Sala Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Pila di budget americani stampati con il font sbagliato

Le famose spending review dei governi di tutto il mondo non ci avevano ancora pensato ma l'idea è tanto semplice quando efficace. Come si può risparmiare sui documenti ufficiali stampati su carta? Cambiando il font.

Dove non sono arrivate schiere di superesperti è arrivato un 14enne americano di origine indiana, Suvir Mirchandani. Intervistato dalla CNN, il giovane esperto di caratteri ha suggerito al Governo USA un modo semplice per risparmiare.

LEGGI ANCHE: Corea: tutti con il taglio di capelli del leader, per legge!

Se i documenti ufficiali fossero stampati utilizzando il Garamond al posto dell'attuale Times New Roman la cosa pubblica americana si terrebbe in tasca fino a 400 milioni di dollari l'anno. L'inchiostro richiesto per il font in uso attualmente è maggiore rispetto al Garamond, da qui il considerevole risparmio.

Come ha fatto Suvir a notare questo lieve dettaglio? A scuola, quando per un progetto volto a diminuire gli sprechi il ragazzo scopre che non tutti i font sono uguali a livello di inchiostro consumato. 

Quattro font a confronto

Facendo due conti e monitorando i consumi della sua stampante, Suvir arriva alla conclusione che la stampa delle dispense in Garamond farebbe risparmiare dei soldi alla sua scuola: ben 21 dollari l'anno, pari ad un -24% di esborso per quella voce di spesa.

La sua scoperta viene presto pubblicata su altri organi di stampa, finché il giovane nerd dei font non viene intervistato dalla CNN: l'applicazione del suo lavoro al Governo USA, conti alla mano, permetterebbe un risparmio di ben 400 milioni di dollari.
E se applicassimo questo modello anche all'Italia?

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV