La nuda verità

Super Bowl 2017, i migliori e peggiori spot andati in onda

Il 51° Super Bowl ci ha offerto la solita carrellata di spot, alcuni molto ben fatti altri un po' meno. Ecco i migliori e i peggiori.

FlopTV Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Espressione meravigliata di Jason Statham nello spot Wix.com

Il Super Bowl è lo spettacolo sportivo più seguito negli Stati Uniti. Di conseguenza le più grandi aziende del mondo spendono milioni di dollari nell'acquisto degli spazi pubblicitari all'interno della diretta televisiva. Considerata l'importanza del passaggio pubblicitario, gli spot mandati in onda sono dei veri e propri gioielli, che vedono importanti attori e celebrity prestare il loro volto come testimonial.

Ma non sempre succede così. A volte le pubblicità trasmesse sono proprio senza senso. 

Ecco una carrellata delle migliori e peggiori pubblicità andate in onda in questo Super Bowl 2017.

LE MIGLIORI 

Audi

La pubblicità Audi è sicuramente fra le più suggestive viste quest'anno. Le immagini di questa ragazzina impegnata in una corsa per macchine di legno sono altamente evocative, soprattutto per il fatto che l'azienda automobilistica tedesca punta forte sulla parità di genere.  

Buick

La Buick ha reinventato il vecchio modo di dire " beh se lui è quello allora io sono..." in questo divertente spot, che vede protagonisti Cam Newton, quarterback NFL, e la super top model Miranda Kerr.

Budweiser

Questo è lo spot di Budweiser che ha destato qualche polemica negli Stati Uniti. Soprattutto a pochi giorni dalle leggi anti immigrazione volute da la nuovo presidente USA Donald Trump.

Nel filmato pubblicitario viene romanzata la vita del fondatore della Bud Adolphus Busch, che lascia la Germania per l'America nel 1857 per cercare fortuna come mastro birraio. 

84 Lumber

Questo è lo spot che ha destato più polemiche. E proprio per la sua natura molto controversa, è stato mandato in onda una versione più light. Noi invece vi riportiamo la versione integrale.

Il video tratta del viaggio di una madre messicana e di sua figlia verso gli Stati Uniti. Una volta arrivate al confine, le due donne si troveranno davanti un muro, proprio come quello che vorrebbe costruire Trump.

Mercedes

Mercedes ha puntato sulla regia dei Fratelli Coen per la realizzazione di questo esilarante spot che pubblicizza la linea sportiva della casa tedesca.

In un bar malfamato frequentato da soli motociclisti, la normale routine fatta di bigliardo, braccio di ferro e scazzottate è rotta dall'annuncio che un automobilista ha parcheggiato dietro le moto. Tutti si precipitano fuori e, sorpresa delle sorprese, l'automobilista è Peter Fonda, attore del film cult "Easy Rider", che se ne va rombando a bordo della sua fuoriserie tedesca.

National Geographic

Per sponsorizzare il proprio prossimo show "Genius", National Geographic ha portato in scena un Einstein intento a suonare pezzi di Lady GaGa con il suo amato violino. 

Ford

Ford ha prodotto un video pubblicitario molto divertente dove alcune persone sono costrette a porre rimedio ad alcune sfortunate situazioni.

Skittles

Una semplicissima ma efficace idea è alla base di questo spot di Skittles. 

Wix.com

Tutti i fan di Jason Statham ameranno questa pubblicità che fa il verso ai film d'azione che hanno un posto di primissimo piano nella carriera dell'attore.

Mr. Clean  

Mr. Clean, il nostro Mastro Lindo, è stato trasformato in un sex symbol che fa girare la testa alla casalinga protagonista del video.   

KIA

Le disavventure di Melissa McCarthy sono assolutamente tutte da ridere in questo spot di KIA.

LE PEGGIORI

T-Mobile 

Justin Bieber ha prestato il suo volto per questa campagna di T-Mobile e i risultati non sono dei migliori. Giudicate voi!

Yellow Tail

Questa è proprio brutta: un canguro e un tipo sfigato vestito di giallo che cercano di pubblicizzare vini australiani. Veramente brutta!

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV