La nuda verità

Lo smart device che salva la vita ad una donna chiamando la polizia

Certe volte la tecnologia commette degli errori che però ci salvano la vita. E' quello che è successo ad Albuquerque.

Concetta Suriana Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

altoparlante always on

La tecnologia sta diventando un elemento sempre più presente nelle nostre vite. Ormai non ce ne accorgiamo ma tutto quello che facciamo è regolato da telecamere, app, connessioni  di vario tipo e chi più ne ha più ne metta. Questa presenza costante di smart device è stata protagonista di film e serie TV, ma molte volte la realtà supera ogni immaginazione e buona sceneggiatura. È una premessa che va assolutamente fatta visto quello che stiamo per raccontarvi. 

La notizia, alquanto bizzarra, ha come protagonista una coppia e uno smart device un po' troppo invadente (per fortuna). E' avvenuto tutto ad Albuquerque, in New Mexico. Qui la SWAT è stata chiamata a intervenire da un dispositivo IoT, un altoparlante intelligente insomma. Per chi non li conoscesse, si tratta di dispositivi che sono in grado di interpretare i comandi dati dall'utente e, in base a quello, riescono a reperire in rete le informazioni richieste.

Sono dispositivi smart che rimangono sempre accesi (funzionamento always-on) e proprio per questo possono risultare invasivi della privacy, ma in questo caso è stata proprio questa caratteristica a salvare la vita di una donna.

altoparlante smart Copyright Amazon
Uno degli altoparlanti smart di Amazon

Durante una lite domestica, Eduardo Barros, 28 anni, stava minacciando con una pistola la sua fidanzata quando, nella collutazione seguente, le ha chiesto se avesse chiamato gli sceriffi. La domanda è stata intercettata dal dispositivo IoT in casa della donna che l'ha interpretata come una richiesta effettiva e dunque ha chiamato il 911. Sono passati pochissimi secondi e gli operatori del 911 hanno avuto modo ascoltare la lite che stava avendo luogo proprio in quel momento e inviare sul posto la SWAT che ha posto fine all'aggressione.

Eduardo Barros ha voluto giustificare il suo comportamento dicendo che la donna, la sua compagna, lo tradiva. A scatenare la sua ira sarebbe stato un SMS ricevuto proprio da lei. A quel punto sarebbe iniziata la collera di Eduardo che, dopo aver visto la telefonata in corso con il 911 sul cellulare della sua ragazza (dopo l'intervento del comando vocale), l'avrebbe buttata a terra colpendola ripetutamente con calci e pugni. 

Barros dovrà vedersela con 14 capi d'accusa, tra le quali aggressione e percosse aggravate da utilizzo di arma da fuoco, mentre la vittima ha riportato qualche ferita. La figlia della donna invece, che era in casa durante la vicenda, è rimasta fortunatamente illesa. Manuel Gonzalez, lo sceriffo della contea, ha commentato l'accaduto ritenendo che il comando vocale del dispositivo ha, con ogni probabilità, salvato la vita della donna.

E' ovvio che tutto è accaduto per una serie di vicende fortuite che non è molto probabile che accadano di nuovo. Quello che ancora non è chiaro è quale sia questo dispositivo smart che ha chiamato il 911. In un primo momento sembra che l'altoparlante "incriminato" fosse uno speaker Alexa di Amazon, azienda che già in passato era stata coinvolta in un fatto simile grazie ad uno speaker Echo,  poi si è pensato a Google Home, ma nessuno di questi due dispositivi è in grado di fare telefonate.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV