La nuda verità

Il Sole in una stanza, un reattore riproduce la temperatura del Sole

Chi l'ha detto che il Sole è irraggiungibile? Una società del Regno Unito è riuscita a ricreare la temperatura del Sole sulla Terra.
Il mini reattore che può diventare caldo come il sole iflscience.com

Una società privata del Regno Unito afferma di aver testato con successo il suo prototipo di reattore a fusione nucleare e di esser riuscita a ricreare la bruciante temperatura del Sole.

La Tokamak Energy, società con sede nell'Oxfordshire, vuole rendere l'energia a fusione una realtà commerciale e spera di farlo entro il 2030.

Il loro dispositivo di fusione nucleare, noto come ST40, è la terza macchina creata dalla società fino ad ora. Con questo mini reattore l'azienda ha dichiarato di aver raggiunto 15 milioni di gradi Celsius (27 milioni di gradi Fahrenheit). Jonathan Carling, CEO dell'azienda, ha dichiarato in proposito: 

Stiamo facendo passi significativi verso il raggiungimento dell'energia a fusione, muovendoci con l'agilità di un'impresa privata e guidati dall'obiettivo di ottenere qualcosa che darà beneficio a tutto il mondo.

La società, che ha raccolto 40 milioni di dollari fino a oggi, afferma che l'approccio su piccola scala è la chiave del suo successo. Il reattore ST40 ha infatti le dimensioni di un furgone, una grandezza ridotta rispetto a quella dei normali reattori di solito grandi come una casa o un campo da calcio.

Come funziona il reattore che raggiunge le temperature del Sole?

Superconduttore magnetico per fusione nuclearemeccanicanews.com

Per raggiungere alte temperature il mini reattore ST40 utilizza un processo noto come fusione di compressione. Questa rilascia energia sotto forma di anelli di plasma che collidono e producono campi magnetici che poi "schioccano" insieme in un altro processo fisico chiamato riconnessione magnetica.

Sono due i progetti principali solitamente utilizzati per i reattori a fusione nucleare, entrambi con lo scopo di torcere i campi magnetici e confinare il plasma surriscaldato all'interno. Il Tokamak usa una grande quantità di corrente per torcere il plasma mentre lo Stellarator è modellato a forma di ciambella ritorta per ottenere lo stesso effetto.

Tokamak Energy afferma di poter raggiungere temperature più elevate rispetto ai classici Tokamak, utilizzando magneti superconduttori per controllare il plasma e riprodurre energia utile.

Il primo prototipo dell'azienda è stato il reattore ST25 del 2013. Un secondo modello è stato costruito nel 2015 mentre il terzo, il mini reattore ST40 è quello che ha fornito i migliori risultati e con cui la società spera di sviluppare un dispositivo energetico su scala globale, nel 2025, e iniziare a fornire energia a fusione alla rete globale entro il 2030.

Il Sole e la Terra nello spaziotelegraf.com.ua

L'obiettivo finale di Tokamak Energy è ancora lontano e chissà se il loro sistema di energia a fusione nucleare potrà davvero portare ai risultati sperati, quello che è certo però è che, seppur in un dispositivo di metallo grande come un furgone, l'uomo è riuscito a far battere il cuore del Sole sulla Terra.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV