La nuda verità

L'uomo che ha salvato ben 300 gatti aprendo un santuario felino

Chris è un uomo che ha trasformato la propria abitazione in un santuario per gatti, salvando 300 esemplari.

Biagio Petronaci Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

La foto di un gatto

Chris Arsenault è un uomo che gestisce un vero e proprio santuario per gatti a Medford, New York.

Arsenault, dopo aver perso il figlio ventiquattrenne in un incidente stradale nel 2006, trovò, vicino a dei binari, un gruppo di gattini. L’uomo, un conducente ferroviario, decise di salvare i felini dalla morte certa e di ospitarli presso la propria abitazione.

Oggi, 12 anni dopo da quel momento, la casa di Chris ospita ben 300 gatti. L’uomo, infatti, ha deciso di riservare tutta la propria abitazione agli animali e di vivere in una singola stanza.

C'erano 30 piccoli gattini e potrei dire che erano malati. Sapevo che se li avessi lasciati lì sarebbero morti e, così, li ho portati a casa con me. Dopo la morte di mio figlio, quei gatti mi hanno dato qualcosa da fare.

Ha detto Chris durante un’intervista rilasciata al New York Post.

Il conducente, ogni singolo giorno, sfama i felini e li pulisci a dovere. The Happy Cat Sanctuary, questo è il nome dell’hotel per gatti, ha costretto Arsenault a sborsare ben 100 mila dollari durante il 2016 solo per il cibo e per le medicine. Le spese veterinarie, invece, sfiorano i 22 mila dollari.

Quando apro la porta della mia camera da letto, ci sono circa 50 o 60 gatti che mi aspettano. Molti di questi gatti sono stati maltrattati o abbandonati quando sono venuti al santuario, quindi è stata una cosa gratificante poter dare loro una casa e un posto in cui sentirsi al sicuro.

Ciò che spinge Chris Arsenault a proseguire nel suo progetto, infatti, non sono i guadagni economici, essendo una struttura no-profit, ma la soddisfazione di poter dare un tetto sopra la loro testa a un numero così alto di gatti.

Chiunque può aiutare Chris facendo una donazione sul sito web ufficiale oppure mettendosi in contatto con l'uomo tramite la pagina Facebook.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV