Il meglio del peggio

Unti e Bisunti 2: Chef Rubio cala su Bari (e perde)

Con la seconda stagione di Unti e Bisunti si riparte verso le sfide culinarie più zozze del paese: Chef Rubio senza baffetti arriva a Bari ma incassa la prima sconfitta!

Andrea Sala Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Chef Rubio di Unti è Bisunti 2

Foodie di tutto il mondo, ieri sera è cominciato Unti e Bisunti 2 con il sempre istrionico Chef Rubio. La seconda stagione dello show sul cibo di strada ha visto il protagonista alle prese con una città in cui il cibo è qualcosa di serio ed eccezionale: Bari.

Rubio è arrivato a Bari con il suo solito fare da spaccone (ma simpatico) e una grossa novità: i suoi celebri baffetti - spesso arricciati anche con lo strutto - non ci sono più ma a parte questo Unti e Bisunti 2 continua sulla falsa riga della stagione precedente.
Che è stata un successo, forse inatteso.

La genuinità di Rubio ha portato una freschezza nel mondo dei programmi culinari in TV, piuttosto "ingessati" e molto vecchio stile. A fare la differenza, oltre al cibo, qui è il personaggio. 

Dopo le classiche Antonella Clerici e Benedetta Parodi, passando per la serissima Sonia Peronaci di Giallo Zafferano e le tre istituzioni di Masterchef Cracco, Barbieri e Bastianich, ci voleva qualcuno di valido e che non si prendesse troppo sul serio.
Ecco, Rubio in questa veste è perfetto.

Prima di tutto è "uno di noi", chef sì ma legato alla cucina "de casa". In secondo luogo è uno che bada sia alla qualità che alla quantità: lui deve magna' e tanto. E più la pietanza è pesante più gode.
Un po' come tutti noi, chi più chi meno.

Nella prima puntata di Unti e Bisunti 2 Rubio "cala" su Bari e sulle sue delizie: si fa una colazione con pesce crudo tipo cozze, seppie e ricci di mare, per passare poi a una teglia di patate, riso e cozze seguita da costate di cinghiale e altre portate da infarto istantaneo.
Speriamo che le abbia mangiate in giorni diversi.

Ma non è tutto: ci sono anche panzerotti ripieni fritti, popizze fritte e sgagliozze incandescenti. Alla fine però, fra momenti di dialetto barese strettissimo e birra a fiumi (il superesposto sponsor), la scelta cade sulle braciole di 'ndrame. Ovvero budella di cavallino.
Non proprio qualcosa di accattivante, ma che comunque fa presa.

Che Rubio addenta una braciola di 'ndrame

Gli sfidanti sono due baresi DOC, padre e figlio, che gestiscono un chiosco di ghiottonerie. Sono due personaggi davvero caratteristici, soprattutto il figlio.

Ad ogni modo la sfide parte come da copione, con il tocco in più della spontaneità pugliese contrapposta a quella romana di Rubio. I giudici, la squadra di football americano Patriots di Bari, decretano però la vittoria degli autoctoni.

I momenti migliori? Tutti i morsi inquadrati in primissimo piano, dove Rubio si gode tutto il gusto di ciò che assaggia. Anche la vestizione prima della sfida - un po' forzatamente a vantaggio del pubblico femminile - con lo sberleffo in barese dei due "nemici" fa molto ridere.

Il momento peggiore? Il quiz con i vari tagli di puledro buttati su un tavolo da macellaio. Io sono un carnivoro convinto ma quello è stato onestamente un momento che mi ha urtato: non ce n'era bisogno e non ha aggiunto niente al programma. 

Insomma, non posso che promuovere Unti e Bisunti 2: il format è stato perfezionato, montato ad arte e vanta un copione davvero ben scritto. Rubio è simpatico ma mai supponente e questo è il suo innegabile punto di forza.
Altro che Antonella Clerici con le sue filastrocche per bambini o l'assurda severità di Carlo Cracco in Hell's Kitchen...

Questo è il cibo che ci piace: er cibbo de strada (cit.).
L'appuntamento è ogni lunedì alle 22.00 su DMAX con Rubio e le sue sfide a base di leccornie di tutta Italia e non solo.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV