Il meglio del peggio

La nuova teoria dei terrapiattisti: 'l'Australia non esiste'

I terrapiattisti tornano con le loro strampalate teorie: l'Australia? Frutto di un complotto mondiale portato avanti dal Regno Unito.

Biagio Petronaci Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

La foto di una donna coperta dalla bandiera dello stato News.com.au

Stai organizzando una bella vacanza in Australia? Mi dispiace dovertelo dire ma quello stato non esiste… almeno secondo i terrapiattisti!

Il gruppo, convinto che la Terra sia piatta, continua a diffondere delle teorie totalmente folli che non fanno altro che divertire il web.

Un post pubblicato otto mesi fa da una pagina Facebook collegata a Flat Earth Society, e diventato virale proprio in queste ore, riporta, con una convinzione quasi spaventosa, l’idea che l’Australia e i suoi 24 milioni di abitanti non esistano ma siano frutto di un complotto portato avanti dall’Inghilterra.

La corona inglese, secondo la teoria, avrebbe costruito il mito dell’Australia per nascondere l’assassinio di alcuni criminali.

L'Australia non esiste, tutto quello che chiamate prove sono in realtà bugie ben fabbricate dai governi di tutto il mondo. I vostri amici australiani sono solo attori o robot e fanno parte di un complotto mondiale. Se pensate di essere stati in Australia, vi sbagliate di grosso. In realtà, siete stati sulle isole vicine o addirittura in Sud America e quelli che avete incontrato sono solo attori, ingaggiati dalla Nasa per recitare come se fossero veri australiani. L'Australia è una delle più grandi bufale mai create e siete stati tutti ingannati. Unitevi al nostro movimento, e fate sapere che li avete smascherati. Fate sapere che è tutta una copertura. Tutte le notizie che giungono dall'Australia sono falsità, utilizzate per distrarvi dalla terribile verità di uno dei più grandi genocidi della storia. Dicono di aver trasportato 162mila persone per circa 80 anni, in realtà non hanno mai raggiunto quella terra promessa e sono stati gettati in mare.

Il post, ovviamente, non poteva che concludersi con alcune parole propagandistiche:

Lottate per chi è stato ucciso e fatelo sapere: l'Australia non esiste.

Non è difficile immaginare che il web sia stato immerso dall’ironia di molti utenti che, probabilmente, non riuscivano a comprendere che i terrapiattisti fossero seri quando hanno pronunciato queste parole.

La pagina Facebook “Commenti Memorabili” ha deciso di ricercare una spiegazione nel commento di un ragazzo che, evidentemente, è felice dell’inesistenza dell’Australia.

I canguri sono tutti falzi (cit.) #commentimemorabili

A post shared by Commenti Memorabili (@commenti_memorabili) on

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV