Il meglio del peggio

Giappone, ecco il 'bus salva-sbronzi' per portare a casa gli ubriachi

La compagnia giapponese Nishi Tokyo Bus ha unito l'utile al dilettevole, unendo il servizio di linea dei mezzi pubblici a un "soccorso" per chi ha bevuto troppo durante la serata. Scopriamo insieme di cosa si tratta!
Un bus di Tokyo usato per questo servizio.

Siete fin troppo festaioli e nel periodo delle vacanze alzate un po' troppo il gomito? Niente paura, nell'eventualità di dover festeggiare le vostre prossime vacanze in Sol Levante, sappiate che la compagnia giapponese di autobus Nishi Tokyo Bus mette a disposizione degli autobus su cui possono salire tutti coloro che, nel pieno di una sbronza, non sono nemmeno capaci di riconoscere la loro fermata per tornare a casa. I passeggeri di questi autobus potranno addormentarsi fino al capolinea, per poi ritornare a casa la mattina successiva, per appena 8 dollari.

Il bus "salva-sbronzi" nasce nel 2013 da un'idea di uno degli autisti della compagnia di autobus, che ha accolto più di 75 passeggeri ubriachi nelle sole vacanze di Natale del 2016. Quest'anno, il bus sarà operativo tutti i venerdì di dicembre, ovvero quando si terranno le tradizionali feste aziendali di fine anno (bonenkai) delle più grandi compagnie site nella Capitale.

Alcuni dei bus usati per questa astuta iniziativa.
I vigilanti notturni, pronti a soccorrere festaioli in difficoltà.

Nesugoshi Kyusai, questo il nome dello speciale autobus, copre la tratta che da Tokyo porta alla periferia occidentale, e fa capolinea alla stazione di Takao, in una zona montuosa in cui scarseggiano hotel o ristoranti aperti 24 ore su 24, quindi il bus permette anche di coprire questa grave mancanza. Si direbbe proprio, quando l'utile si unisce al dilettevole!

Chi ha provato questo bus lo definisce "un vero dono dal cielo", e inoltre chi sa di poter prendere questo autobus non utilizza il suo mezzo privato, prevenendo così il rischio di incidenti. I cittadini sperano vivamente che vengano coperte anche altre linee della Nazione.

Speriamo che un giorno arrivi qui da noi, insomma, chi non vorrebbe un bus della salvezza come questo?

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV