Il meglio del peggio

Arrestati per aver disonorato un tempio buddista coi loro sederi

A volte ci vuole coraggio, altre volte il culo. È questo il caso di 2 turisti americani che si sono ritratti su Instagram col sedere di fuori, di fronte a un importante tempio buddista.
I 2 turisti americani

A volte bisogna usare il cervello, altre volte il culo. È questo che avranno pensato 2 turisti americani arrestati in Tailandia martedì scorso, dopo aver postato una loro foto su Instagram con i sederi in bella mostra. Tutto più o meno “normale” fin qui, se non fosse per il fatto che i 2 simpaticoni erano davanti a Wat Arun, famoso tempio buddista.

Bankok #travelingbutts

A post shared by Traveling Butts (@travelling_butts) on

Le autorità hanno dunque deciso di trattenere in galera i turisti americani e l’arresto è avvenuto all’aeroporto di Bangkok. Entrambi hanno pagato una multa di 150 dollari, per poi essere giudicati dal dipartimento d’immigrazione con l’accusa di atti osceni in luogo pubblico.

#travelingbutts at temple

A post shared by Traveling Butts (@travelling_butts) on

L’account Instragram dove i 2 hanno postato la loro foto col sedere in bella mostra, Traveling Butts, è stato chiuso, ma già è in attività un secondo account con lo stesso nome, che comprende già ben 23 fotografie di turisti sfacciati e coi pantaloni abbassati. Non è chiaro se dietro il nuovo Traveling Butts ci siano le stesse menti.

#travelingbutts hiking (photo credit @buttsinthewind)

A post shared by Traveling Butts (@travelling_butts) on

Fatto sta che tutto si può dire tranne che delle foto di invasati col sedere ai 4 venti non siano esilaranti. Non ci resta che augurare ai 2 coraggiosi “turisti col culo” di superare indenni il processo.

Da FlopTV è tutto, un saluto, ovviamente, col culo!

#travelingbutts on a hike

A post shared by Traveling Butts (@travelling_butts) on

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV