Floppy

Sembrano post-it ma in verità sono USB drive ultrasottili

Tutti conosciamo i post-it, quei foglietti di carta adesiva sui cui annotiamo tutto ciò che dobbiamo tenere a mente. Ma se fossero capaci anche di trasportare dei dati come delle penne USB?

Andrea Sala Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Post-it dataSTICKIES e una comune penna USB

Il progetto che potrebbe rivoluzionare gli uffici di tutto il mondo si chiama dataSTICKIES e ha già vinto un Red Dot Design Award, ovvero un premio di eccellenza nell'ambito della progettazione. 

Si tratta sostanzialmente di unità di memorizzazione - come le comuni chiavette USB - ultrasosttili. I dispositivi sembrano dei comuni post-it perché sono composti da uno strato di grafene su cui si può anche scrivere: per prendere appunti, ricordarsi di fare la spesa o altro.

Il progetto è stato ideato da Parag Anand e Aditi Singh e intende eliminare la confusione e i disagi che accompagnano l'uso delle pennette USB comuni.

Come funzionano in concreto questi drive ultrasottili? Basta "attaccarli" su una speciale superficie ottica di trasferimento dati, che potrebbe essere connessa a computer, tablet e sistemi musicali. Grazie allo strato adesivo capace di trasferire dati di ogni post-it avremo a disposizione delle memorie di massa in tutto e per tutto uguali a quelle che usiamo normalmente. Ma che occupano pochissimo spazio e non devono essere inserite in una "porta" specifica.

I drive dataSTICKIES connessi ad un computer

Quando è connesso il post-it si illumina sui bordi e fa un bell'effetto cyber-punk che appaga anche il nostro animo nerd.

Come detto più sopra il segreto di dataSTICKIES è lo strato di grafene: si tratta di atomi di carbonio aggregati in una struttura a nido d'ape che può avere uno spessore minimo di un atomo. E questo foglio di grafene può immagazzinare enormi volumi di dati.

Strati del drive dataSTICKIES

Come per i post-it, infine, i dataSTICKIES esistono in diversi colori e conservano la possibilità di scrivere annotazioni a mano, come sulla carta. 

Condividere un file con qualcuno sarà semplice come passargli un foglietto di carta, non appena il progetto entrerà in produzione. Al momento, infatti, siamo ancora in fase di prototipo ma i progettisti sono fiduciosi.
E anche noi.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV