Floppy

La Cina negherà ai cittadini con un basso punteggio social di prendere i mezzi

Il social credit system è molto severo, ma a detta del governo cinese servirà a prevenire una serie di problemi.

Matteo Tontini Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Una foto scattata a Wenzhou, in Cina

Sembra pura fantascienza, ma è la triste realtà. Le autorità cinesi inizieranno a revocare il diritto di viaggiare a coloro che hanno punteggi bassi nel cosiddetto "social credit system", utile a classificare i cittadini in base alle loro attività online.

In sostanza sarà monitorato costantemente il loro comportamento in rete, e chi non soddisferà determinati requisiti non potrà spostarsi con i mezzi pubblici, fino a un anno. Lo scopo, come riportato da alcune fonti, sarebbe quello di contrastare una vasta gamma di problemi, quali la diffusione di notizie false riguardanti minacce terroristiche, la prevenzione del fumo sui treni o l'utilizzo di biglietti fasulli.

Il governo cinese ha svelato il piano per la creazione del social credit system nel 2014. Pare che si fondi sulla base di sistemi di credit scoring privati cinesi, tipo Sesame Credit di Alibaba Group, che compilano il punteggio utilizzato per classificare i cittadini rifacendosi a una serie di fattori (condivisione di notizie, visualizzazioni di video, invio di messaggi).

Sembra la sceneggiatura di un episodio di Black Mirror, o la trama di un libro sci-fi, ma è l'esempio calzante di come la realtà possa alle volte superare l'immaginazione. Insomma, dal nuovo sistema traspare perfettamente la grande rigidità della Cina.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV