Floppy

Facebook ti difende dal ‘revenge porn’ con le tue foto di nudo

Facebook è pronto a difendere tutte le potenziali vittime del revenge porn. In che modo? Pretendendo le loro foto di nudo!

Danilo Abate Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Una ragazza si dispera per il revenge porn

Facebook ha trovato un metodo geniale per combattere il “revenge porn”, ovvero quando l’ex diffonde materiale privato come chat, foto di nudo e video porno amatoriali fatti insieme.

L’azienda di Mark Zuckerberg infatti, in accordo con l’autorità del governo australiano per la cyber security, sta sviluppando un sistema in grado di riconoscere ed eliminare tutti i contenuti derivanti dal revenge porn.

La fine dell'odiato revenge pornLa Repubblica
Addio revenge porn!

Di cosa ha bisogno Facebook per riuscirci?

Semplicemente il vostro materiale “compromettente” in anticipo, prima che venga postato dall’ex per vendetta. In tal modo il sistema ottiene una sorta di “impronta digitale”, un pezzo di codice chiamato “hash”, che consente l’individuazione in rete del contenuto privato e la cancellazione in caso venisse pubblicato.

Questo metodo sfrutta così i medesimi meccanismi di intelligenza artificiale adoperati per il riconoscimento del volto nelle immagini o altri servizi messi a disposizione dai ragazzi di Facebook.

Un classico esempio di revenge pornFacebook
Cose del genere non avverranno più

Ovviamente però tale misura di sicurezza non è esente da rischi. Anzitutto, occorre ovviamente che la vittima potenziale possegga i file originali e non è sempre possibile. Uno scatto rubato con lo smartphone alla propria metà e addio per sempre alla foto di nudo che non vogliamo pubblica.

Un altro rischio è rappresentato dalla possibilità di eventuali ritocchi alle immagini che magari potrebbero essere caricate altrove senza poter fermare la violazione. Dunque gli algoritmi di Facebook potrebbero anche venire aggirati.

Ci si pone inoltre il quesito di quanto le persone siano disposte a fornire i contenuti compromettenti a degli “sconosciuti” e non prima di aver compilato un questionario delle autorità locali.

E voi che ne pensate? Fornireste le vostre foto di nudo a Facebook?

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Altro su #Social Network

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV