Floppy

Svelata la nuova console Atari VCS, tra primi annunci e critiche

Ataribox si evolve diventando Atari VCS, una console che vuole essere competitiva, ma per ora solo nel prezzo. Vi sono, infatti, ancora troppe incognite, e sono partite tante critiche nei confronti dell'azienda.
Logo per la presentazione di Atari VCS

Conosciuta in un primo momento come Ataribox, la nuova console ufficiale della famosa casa videoludica si chiamerà Atari VCS, di cui è stato già rivelato il nuovo design, in onore della classica Atari 2600, e di cui conosceremo ulteriori dettagli e pre-ordine entro la fine di questo mese.

Dopo i primi annunci, ovviamente, non sono mancate numerose critiche!

Atari VCS sta per “Video Computer System” e l’azienda ha recentemente svelato il design completo sia della console che dei due controller: un ponte tra passato e presente, con un controller più moderno e un classicissimo joystick in onore dei cari, bei vecchi tempi.

Il design della console Atari VCS e dei due controller: un ponte tra passato e moderno.

Nonostante possa sembrare l'ennesimo tentativo di cavalcare l’onda del successo del retrogaming, di cui è stata promotrice Nintendo con i suoni NES e SNES Mini, Atari promette che la nuova console sarà una vera novità, e non un semplice “ritorno al passato”.

Già dal prezzo, che si aggirerebbe attorno ai 250-300 dollari, l’azienda si allontana da questo tipo di concorrenza, sfiorando console più importanti come Nintendo Switch o PS4.

Molte critiche sono arrivate già all'annuncio del prezzo, troppo elevato per molti, se messo in rapporto alle funzioni della console e alle caratteristiche tecniche. Come già detto, infatti Atari VCS sarà più di una semplice “retro-console”. Sono stati già rivelati alcuni titoli classici pre-installati, come Pitfall, Breakout e Centipide, ma per quanto riguarda i tanto promessi “nuovi titoli”, nessuna azienda sembra essersi pronunciata in merito a una collaborazione.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, invece, abbiamo un processore AMD.

Altri dettagli ignoti al pubblico sono la possibilità della console di ricoprire altri ruoli, quale ad esempio di lettore DVD/Blu Ray, o se saranno presenti funzioni di streaming o download.

Dato il prezzo piuttosto alto – ammettiamolo, non sono soldi che si spenderebbero alla cieca - e la possibilità di un pre-ordine forse per fine aprile, sembra strano che Atari non si sia ancora espressa in merito a tante, forse troppe funzionalità del VCS che farebbero la differenza nella scelta di acquisto o meno della console.

Non ci resta quindi che aspettare, ancora, e sperare di aggiornarvi al più presto!

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV