Mouse roventi

Marvel, gli attori non possono lavorare anche per i cinecomics DC!

Chris Hemsworth ha rivelato in un'intervista che per contratto gli attori Marvel non possono lavorare anche per film DC.
Gli Avengers in una scena dell'omonimo film.

Durante la première di Suicide Squad, il regista David Ayer gridò "F*** Marvel!", quasi a voler lanciare una provocazione del tipo: "Hey, anche noi ora abbiamo un Cinematic Universe, non abbiamo più nulla da invidiarvi". Più o meno.

A parte questo fatto estemporaneo, né Marvel né tanto meno DC hanno mai mostrato una rivalità tra di loro; lo stesso direttore Marvel Kevin Feige, a proposito del presidente DC Geoff Johns, disse:

Non c'è nessuna rivalità, quella viene più costruita dalla stampa. Geoff è un mio caro amico e sono sempre fiero dei suoi successi. Per noi è una fortuna produrre un film ben fatto e ben accolto dalla critica e dai fan, ecco perché faccio il tifo per lui.

Nonostante i due presidenti vogliano mantenere un rapporto pacifico e allontanare le maldicenze della stampa, sembra comunque che sulla carta le cose siano ben diverse.

Secondo quanto rivelato da Chris Hemsworth al Supernova Comic-Con in Australia, da contratto gli attori Marvel non possono in alcun modo lavorare nei film DC.

Anche un utente Twitter, tale Tyler James, presente alla conferenza, ha confermato quanto detto da Hemsworth.

È curioso notare come questa restrizione non sembrerebbe applicarsi anche ai film FOX, casa che detiene i diritti per alcuni supereroi Marvel (X-Men e i Fantastici 4, per citarne alcuni): basti pensare a Josh Brolin, che interpreterà sia Thanos in Infinity War che Cable in Deadpool 2.

Rivedremo invece Chris Hemsworth dal prossimo 25 ottobre nelle sale con Thor: Ragnarok.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV