La nuda verità

Non diamo il nostro indirizzo agli alieni: gli scienziati temono invasioni

Il programma Active SETI vorrebbe entrare in contatto con le popolazioni aliene, ma tra gli scienziati c'è chi si oppone all'idea e teme il peggio.

FlopTV Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Independence Day e il programma SETI

Se vogliamo metterci in contatto con gli alieni, è arrivato il momento di cambiare strategia.

L'Istituto SETI (Ricerca di Intelligenza Extraterrestre) ha atteso per 50 anni un messaggio proveniente fuori dalla Terra. Risultato? Nessuno: c'è solo silenzio dall'altra parte dell'universo.

Ecco quindi che entra in scena Douglas A. Vakoch. Il direttore responsabile della composizione di messaggi interstellari (sì, è un lavoro che esiste) ha deciso che SETI deve provare un nuovo metodo e subito -o gli alieni finiranno per ignorarci per sempre.

La sua soluzione è molto semplice: Active SETI, un progetto con lo scopo unico di inviare dati nello spazio per segnalare che noi esseri umani siamo lì, su quel pianeta azzurro a quattro passi da Sole.

Se stai pensando a scenari in stile Independence Day, sei in buona compagnia.

Una scena di Independence Day

Stephen Hawking, Elon Musk, e Sean Carroll hanno sollevato più di qualche obiezione, mettendo in evidenza l'assoluta insensatezza del piano di Vakoch.

Neil deGrasse Tyson si è lasciato andare a una dichiarazione piuttosto ovvia: "Non diamo il nostro indirizzo a membri della nostra stessa specie che non conosciamo bene. Perché farlo con gli alieni? È audace..."

Cioè: sarebbe figo entrare in contatto con una civiltà aliena. Ma rischiare di finire vaporizzati, imprigionati o vivisezionati ne varrebbe davvero la pena?

Ma non è solo la sonda anale che fa paura: ci sono da tenere in conto le malattie, le diversità culturali, e un'altra infinita serie si problemi. La più surreale e logica al tempo stesso è quella di chi avrebbe il diritto di proclamarsi ambasciatore della specie umana.

Vakoch però è irremovibile. "Se esistesse una civiltà aliena là fuori in grado di trovarci e distruggerci l'avrebbe già fatto da tempo".

Un pensiero a dir poco rassicurante, eh?

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV