Il meglio del peggio

Morti e Stramuorti sotterra gli altri reality coi suoi becchini napoletani

Un reality sui becchini proprio ci mancava: Morti e Stramuorti risponde al vuoto nel palinsesto televisivo, puntando i riflettori contro una famiglia napoletana.

FlopTV Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Morti e Stramuorti: il nuovo docu-reality con protagonisti i becchini napoletani

Un bel giorno, qualcuno ha aperto gli occhi e ha pensato che c'era bisogno di un nuovo docu-reality. Non uno come gli altri, eh: ma qualcosa che potesse sconvolgere, divertire e aprire nuovi canali di comunicazione con l'aldilà (o roba simile).

Dopo i matrimoni, le nascite e il sesso in diretta TV mancava solo una cosa a chiudere il cerchio: il reality sui becchini.

Meno male che ci pensa Explora HD a intrattenerci con nuove e arzille storie di morte e sepoltura (e magari pure qualche miracolo?).

Morti e Stramuorti ha fatto il suo debutto il 12 giugno 2015.
Protagonista una famiglia di Funeral Planner di origini e comportamento napoletani: il signor Umberto, i suoi tre figli e cinque collaboratori. Tutti devotissimi alla morte e alle casse di mogano e affini - pure l'immancabile stagista.

Morti e Stramuorti, il nuovo docu-reality coi becchini

Purtroppo il programma si dice molto rispettoso nei confronti del lutto e delle altre tematiche trattate, quindi non ci sarà nessuno che si fingerà la Morte in persona per rilasciare un'intervista esclusiva (almeno credo).

Gli otto vivaci episodi, però, alterneranno le lugubri immagini dell'addio a questo mondo con scene più ironiche e piene di speranza.
Tipo visite dal ginecologo, dove si arriva su un carro funebre: una bellissima e profondissima metafora su come il cerchio della vita si chiude, si riapre e non si spezza mai.

Ecco, roba così: un po' ironica e un po' seria; un po' Six Feet Under e un po' sigle cantate da Nancy Coppola. Un mortorio di quelli giusti sempre vicino alla Fine - la tua, che già sta cercando di sotterrare la concorrenza.

Ce la farà? Lo scopriremo solo vivendo.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV