Il Gambero Grosso

Unti e Bisunti 2, Rubio vince contro l'India "de Roma"

Chef Rubio torna a casa e vince. Unti e Bisunti 2 arriva a Roma per un'altra puntata etnica: in scena l'India di casa nostra e l'Oriente.

Andrea Sala Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Chef Rubio chiede una birra

Dopo i fasti dell'Alto Adige (e la vittoria), Unti e Bisunti 2 è arrivato a Roma. Chef Rubio giocava in casa e non ha tradito le aspettative, vincendo la sfida con i cuochi "di strada" da lui scelti come avversari.

Chi si aspettava amatriciana, cacio e pepe o la coda alla vaccinara però è rimasto deluso. Com'è successo per Milano e Torino, infatti, nella Capitale il cuoco ha scelto un altro percorso culinario, che l'ha portato in India e nel misterioso Oriente.
Ma spezie di ogni genere e piatti elaborati non hanno spaventato lo chef più tatuato della TV.

LEGGI ANCHE: Unti e Bisunti 2, Chef Rubio vince anche in Sud Tirolo

Si parte da Colle Oppio, proprio davanti al Colosseo, dove Rubio sta per addentare un panino "tradizionale" quando vede un personaggio intento ad addentare un piatto indiano.
I due scambiano le pietanze e parte l'avventura romana di Unti e Bisunti, secondo il mantra "Gusto, testa e core".

La zona è quella di Piazza Vittorio e il mercato dell'Esquilino, dove si trovano moltissimi ristoranti indiani a Roma. Ristoranti che il nostro chef visita molto volentieri e sperimenta sempre e solo "a mani nude".

Perlustrazione

Dopo un cartoccio di fritto indiano si parte dal Krishna 13 di Via Foscolo 13, dove Chef Rubio incontra "il principe" Tarun e la sua brigata di cucina. Nel ristorante in questione il cuoco si scofana manciate di Palak Paneer - spinaci e formaggio speziati - e Pollo Madras, preparato con latte di cocco e altre spezie.
Il terzo e ultimo piatto sarà quello della sfida: mutton curry, ovvero una sorta di stufato di capra con curry, ovviamente, e moltissime altre spezie.

Insomma, una parata di pietanze tipiche dell'India del Nord in cui Chef Rubio affonda le mani senza pensarci due volte.
Dopo l'assaggio c'era già aria di sfida, ma prima c'era altro da perlustrare. Tipo il fast food dello Sri Lanka al SevenLanka.

Lì Rubio si tuffa nel maiale e tonno marinati, sempre a mani nude. Un po' piccanti questi piatti e allora parte la domanda: "Ma che c'hai una biretta che così sfiammo?".
Il resto del dialogo è ancora più divertente:

- "Vuoi un bicchiere?"
- (occhiataccia di Rubio)

Insomma, ignoranza sempre e comunque. Anche nei dialoghi, molto ben scritti (da parte della produzione del programma, o forse sono le improvvisazioni di Rubio).
Sta di fatto che gli scambi sono sempre divertenti e molto ironici.

Al SevenLanka Rubio ha assaggiato anche il Cottrodi, un piatto preparato sulla piastra con delle specie di fettuccine di piadina, verdure, carne e spezie in quantità. Industriale.

Rubio mangia il Cottrodi

Poi è stata la volta del Ristorante Guru, tipico dell'India del Sud. Al suo interno Rubio incontra il Guru e il Guru Jr.
Pensavate che parlassero un italiano stentato? E invece no.

Il Guru Jr saluta lo chef con un romanissimo "Regolare!": un perfetto esempio di integrazione!

Ad ogni modo nel ristorante in questione Rubio scopre la cottura con il forno tandoor, sia per la carne che per il pane (naan). Ma è nella parte inferiore della cucina del locale che ci sono i pezzi da novanta.

Il Guru Jr gli prepara il pesce avvolto e cotto nella foglia di banano e soprattutto il pollo vindaloo, cotto con diverse spezie piccanti e servito con riso basmati.
Sarà che gli piace il piccante, sarà che si mangia con le mani, Chef Rubio occhieggia il pollo vindaloo come possibile piatto sfida.

La decisione

Ma ancora si deve scegliere e quale modo migliore di un massaggio per schiarirsi le idee? La dottoressa orientale che lo massaggia gli spiega alcuni fatti lagati agli elementi e altra roba new age.
Rubio è mezzo nudo, segno che la fisicità dell'ex-rugbista è effettivamente un fattore che la produzione ha deciso di sfruttare con il pubblico femminile. Che sembra gradire, almeno su Twitter.

Chef Rubio si fa massaggiare

In questo segmento assistiamo ad un'altra gag esilarante, fra la dottoressa/santona e lo chef.
Lei: "Siamo quello che mangiamo no?"
Rubio: "Annamo bbene!"

Lo chef, se questa "legge" dovesse essere vera, dovrebbe essere un panetto di burro ambulante allora...

Ad ogni modo, dopo un massaggio con dell'olio di sesamo (abbondante) in testa, scopriamo che lo sfidante di Rubio in questa puntata di Unti e Bisunti 2 è Tarun, il principe del mutton curry.

Tarun, il principe indiano di Roma

La sfida

Il problema qui è capire bene quante spezie vanno usate e in che quantità. Non è una passeggiata, ma ancora la dottoressa/santona accorre in soccorso di Chef Rubio con un ripassino davanti a numerosi tipi di spezie.
E nel mutton curry ce ne vanno moltissime!

È il momento della spesa, fatta al mercato. Rubio si dimostra anche macellaio esperto, disossando una mezza pecora che userà per il piatto. Il tutto sotto lo sguardo divertito dei due macellaio professionisti del mercato.
Spazio poi ai vari banchi delle spezie e del riso, dove lo chef opta per un profumatissimo basmati dal Pakistan.

Arriva poi il momento della sfida, davanti al Krishna 13 e la consueta vestizione apre le "ostilità".

Durante la preparazione Chef Rubio ci spiega qualche altra nozione sulla cucina indiana. Ad esempio nel paese orientale non si usa l'olio ma il ghi, ovvero il burro chiarificato.
Commento tecnico: "Dietetico? Manco pe' ggnente!".

E ancora, per il mutton curry, il soffritto si compone di cipolla spezie e un particolare pestato di aglio e zenzero, preparato in precedenza. L'ordine e la quantità delle spezie, onestamente, è troppo difficile da ricordare.
Sappiate che ne sono tantissime nel mutton curry, tanto che prepararlo a casa per noi italiani sarebbe davvero difficile.

A un certo punto, durante la preparazione, ecco arrivare la moglie di Tarun che, inaspettatamente, aiuta Chef Rubio con della salsa di soia. Aggiunta al piatto renderebbe la carne tenerissma, sostiene la donna.
Con un gioco di sguardi il cuoco l'ha conquistata!

Il giudizio

La giuria, composta da ballerini e ballerine in stile Bollywood (ma alcuni romanissimi), decreta la vittoria di Chef Rubio sul filo di lana.
Sarà stata la salsa di soia?

Alla fine vediamo lo chef in chiave indiana, protagonista di una coreografia degli stessi ballerini che l'hanno premiato. Con tanto di scimitarra e vestito svolazzante, Chef Rubio punta la spada verso Tarun ed esclama le parole seguenti:

Rubio in versione indiana

Secondo FlopTV

Anche questa puntata potrebbe sollevare delle lamentele, visto che a Roma ci sono eccome dei piatti che sarebbero stati benissimo in una puntata di Unti e Bisunti 2. Tuttavia la scelta "etnica", intrapresa anche a Milano e Torino, offre un punto di vista nuovo sulla cucina di strada che, a conti fatti, si dimostra interessante e succulenta.

La nostra tradizione è sacrosanta, però sconfinare non guasta in questo caso.

Dal punto di vista del ritmo, l'episodio romano è stato scoppiettante e divertente, con uno Chef Rubio sempre più istintivo e "verace". Per questo il programma continua a tener botta anche a stagione inoltrata.
Il lunedì sera alle 22.00 l'appuntamento ormai è fisso con sua Untuosità e con l'acquolina che, immancabilmente, monta poderosa non appena Unti e Bisunti 2 va in onda.

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV