Il Gambero Grosso

Unti e Bisunti 2 a Milano, Mamita batte Chef Rubio sul combinado especial

Unti e Bisunti 2 sbarca a Milano e Chef Rubio se la vede con il cibo multietnico meneghino: il cuoco tatuato perde contro Mamita, ambasciatrice della cucina peruviana, e si trasforma in un pollo gigante.

Andrea Sala Autore:

Pubblicato: | Aggiornato:

Chef Rubio a Milano per Unti e Bisunti 2

Seguendo la falsariga della puntata torinese, Unti e Bisunti 2 è arrivato anche a Milano. Ma, come per il capoluogo piemontese, Chef Rubio non ha esplorate le prelibatezze tipiche del posto, preferendo un tuffo nella parte più multietnica ed esotica della città. Milano, come Torino, ospita diverse comunità di persone provenienti da tutto il mondo. In particolare in quest'ultima puntata di Unti e Bisunti 2 la produzione si è concentrata sul Sud America.

Rubio ha avuto a che fare col Perù, l'Ecuador, la Colombia e un curioso mix fra Perù e Cina.
Insomma, un curioso mix etnico che però ha saputo conservarsi perfettamente anche nella vasta area urbana di Milano.

LEGGI ANCHE: Unti e Bisunti 2, Chef Rubio torna in Sardegna e vince

La puntata è cominciata come al solito, con Rubio in auto nella zona nord della città che introduce la sua personalissima e untuosissima avventura per ristoranti e chioschi del capoluogo lombardo.

Dopo un primo pit stop presso un fruttivendolo colombiano, dove abbiamo conosciuto alcuni ortaggi tipici sudamericani, lo chef tatuato si è diretto verso la Peña de Pocho, un ristorante peruviano in zona Porta Venezia.

Lì Rubio ha assaggiato diverse pietanze tipiche, come il ceviche (pangasio marinato con limone e altre spezie) con patate dolci, patate con salsa di huancaìna, huacatay e la piccantissima crema de rocoto. Che ha surriscaldato la situazione.

Unti e Bisunti 2 calorie del ceviche

E ancora, Chef Rubio ha assistito alla preparazione del piatto afro-peruviano tamal, un mix di mais piccante, maiale, uova, spezie e cotto nelle foglie di banano.

LEGGI ANCHE: Unti e Bisunti 2, la Torino marocchina batte chef Rubio

Dopo un pit stop nel "tipico" chiosco dove si vende il mais (tipico ma mai visto da chi vi scrive) Rubio si è intrufolato presso El Hornero, ristorante tipico peruviano in zona Lambrate.
Lì lo chef tatuato ha conosciuto una nutrita brigata di cucina gestita da Cesar e dalla madre, Mamita. Questa simpatica cuoca peruviana gli ha fatto assaggiare il pollo alla brasa, anticuchos (spiedini di cuore di mucca) e il combinado especial.
Che poi è diventato il piatto sfida della puntata: una cosuccia composta da cuore, mais, patate, durelli di pollo e trippa alla griglia. Digestione: 6 ore.

Rubio stupito

Successivamente Rubio è finito in una cucina ecuadoriana, dove ha sperimentato le varie cotture e ricette con il platano. Si tratta di un frutto tropicale simile alla banana che in Sud America viene mangiato fritto e in altre preparazioni.
Spassosissime le gag dello chef con le due cuoche sui doppi sensi legati alla banana, appunto.

Chef Rubio

A parte questo abbiamo conosciuto il chifle, patacones e le empanadas: praticamente la fiera del platano fritto e strafritto. Poteva Rubio evitare tale untuosità? Ovviamente no.

Poi il nostro chef tatuato è arrivato in un particolarissimo ristorante, il Brembo, dove si cucina cinese e latinoamericano.
I due cuochi, Tino e Huacho, hanno fatto assaggiare a Rubio dei piatti dove le due tradizioni si mischiano in un mix unto ma, presumibilmente, saporitissimo.

E lo chef ha messo letteralmente le mani nel chifa peruviano: pasta con carne e verdure, conosciuto anche come Tallarin Chifa Perù. Anche qui una cosetta da 5 ore e mezza di digestione.

Chef Rubio mangia

Il piatto sfida, però, è stato il combinado especial de El Hornero e, dopo la spesa in giro per Milano, Rubio è tornato al ristorante per sfidare Mamita e i suoi.

Dopo la consueta vestizione si è passati alla sfida vera e propria. Non che i due chef peruviani si siano fatti intimorire: da una parte Rubio, dall'altra una brigata di cucina completa.

Questa disparità e la maggior conoscenza del piatto hanno ovviamente giocato un ruolo fondamentale nella "battaglia", che quelli di El Hornero hanno vinto a mani basse.
La giuria stessa era composta da ballerini peruviani in costume, anch'esso peruviano. La sconfitta era nell'aria, anche se Rubio si è battuto bene.

La puntata milanese di Unti e Bisunti 2 avrebbe potuto trattare i piatti della tradizione meneghina - e ce ne sono parecchi - ma la produzione ha deciso di virare sull'etnico.
Come per Torino è stata una scelta coraggiosa e, tutto sommato, interessante. 

Questo episodio di Unti e Bisunti 2 è stato molto frizzante, ironico come sempre ed è riuscito a metter fame anche se il programma è andato in onda alle 22.00. Missione compiuta, insomma.
Che Rubio perda, in fondo, non ci interessa granché...

Ti è piaciuto questo post? Votalo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di FlopTV

Riceverai il meglio del nostro peggio anche via email!

Iscrivendoti acconsenti alle condizioni d'uso di FlopTV